BACK

05 Jul 2012 - Il nuovo E245C di New Holland Construction alla prova in cava

Lanciato a inizio anno, l’escavatore cingolato E245C New Holland Construction è stato il primo nella sua categoria di peso (24 tonnellate “in sagoma” per il trasporto) ad essere dotato della rivoluzionaria tecnologia SCR (Selective Catalytic Reduction o Riduzione Selettiva Catalitica) con Adblue®, in grado di ridurre le emissioni allo scarico del 90% (come richiesto dalla normativa Tier 4 interim/Stage III/B) e di diminuire considerevolmente i consumi e gli intervalli di manutenzione.

Una volta al lavoro, le potenzialità del nuovo escavatore (175 CV), nello specifico nella configurazione con braccio triplice, emergono con tutta evidenza. La cava di Pio Mezzena, a Dimaro (TN), è il contesto ideale. Da 30 anni l’imprenditore trentino si occupa di cave, scavi, demolizioni, disboscamenti e bonifiche e la sua azienda di Monclassico, in Val di Sole (TN) è una delle più conosciute e affidabili della zona. Il signor Mezzena, per la sua cava di Dimaro, in cui si estraggono ghiaia, sabbia e sassi da scogliera, ha scelto l’E245C di New Holland. Tante le motivazioni per questa scelta, tra le principali, i consumi decisamente contenuti – grazie al circuito idraulico ottimizzato e alla tecnologia SCR con Adblue® - e le prestazioni di scavo e la grande stabilità garantita dal carro lungo heavy duty.

Dopo un periodo di prova di soli tre giorni, la decisione d’acquisto è stata formalizzata assieme al concessionario di zona HTM Maschinen di Bolzano e la macchina è ora in forza presso l’azienda trentina. Racconta il signor Klaus Hohensteiner, titolare assieme a Andreas Trettl della concessionaria HTM Maschinen: “Dopo un’attenta valutazione delle esigenze del cliente, il nuovo E245C con braccio triplice è risultato la macchina ideale per la tipologia di lavoro (in montagna e in cava) e di materiale da movimentare. L’escavatore garantisce una grande forza di trazione, con il carro più lungo della categoria, in grado di assicurare una grande stabilità nel sollevamento frontale e in quello laterale (ben una tonnellata in più rispetto ai modelli della concorrenza). Proprio quello che il cliente stava cercando.”

Al posto di guida, l’operatore Ivo Pancheri racconta: “Per il nostro lavoro servono una bella manovrabilità e una grande precisione e questa macchina le ha entrambe. Mi piace la sua stabilità, l’ottima visibilità e l’idraulica e al mio capo piacciono soprattutto i consumi contenuti.”

La manovrabilità e la precisione dell’E245C derivano dal nuovo sistema idraulico ridisegnato che, insieme ai nuovi joystick, particolarmente sensibili e reattivi, regalano all’operatore un controllo eccezionale. Un controllo che consente di posare i grandi massi per gli argini in montagna in maniera semplice e accurata.

Per Ivo Pancheri, che passa sull’escavatore tutta la sua giornata lavorativa, anche la comodità della cabina fa la differenza. Grazie infatti ai nuovi cuscinetti elastoviscosi, presenta un livello di vibrazioni inferiore del 30% durante la traslazione e del 50% durante lo scavo. E la maggiore insonorizzazione dell’abitacolo assieme alla silenziosità del motore, rendono il comfort della cabina straordinario (appena 69dBA ). Ivo Pancheri sottolinea inoltre la praticità della telecamera posteriore collegata al monitor a colori in cabina che consente di lavorare in totale sicurezza anche in presenza di altro personale dietro la macchina.
Prosegue il signor Pancheri: “Un ulteriore elemento per noi molto importante è la griglia di protezione sul tetto della cabina.  A volte ci troviamo a dover effettuare delle demolizioni o a disboscare in montagna e la griglia ci protegge dalla caduta di pietre o piante”. L’E245C di New Holland è provvisto infatti di serie di cabina omologata FOPS livello II e ROPS Iso 12117-2. Ed il Falling Object Protection System viene assicurato proprio dalla griglia posizionata sul tetto della cabina ricordata  sopra dal Signor Pancheri. E, poiché la sicurezza in cantiere non è mai troppa, è di serie anche il kit per la movimentazione carichi sospesi certificato da Stabilimento di produzione e composto da: gancio, valvole di sicurezza e allarme in cabina.
Anche la disposizione dei radiatori è apprezzata sia dall’operatore, sia dal proprietario dell’impresa, il signor Mezzena, che racconta: “I radiatori sono affiancati e non sovrapposti e questo rende più semplice e rapida la pulizia. Basta sollevare la retina e lo sporco se ne va.” A vantaggio di una manutenzione ancora più agevole e di una macchina sempre operativa.
Lavorando in cava con materiali particolarmente duri, l’operatore lavora in modalità H (per lavori gravosi) e i consumi si attestano su un eccellente 15 l/h. “Sono circa 4 litri in meno rispetto ai modelli della concorrenza da noi utilizzati fino ad oggi”, racconta. Il rifornimento di AdBlue – il pieno è di 89 l - viene effettuato ogni 5 pieni di carburante. Una macchina potente, in grado di assicurare costi operativi e manutentivi ridotti, con costi di trasporto anch’essi contenuti, grazie al carro ‘in sagoma’.
La vera rivoluzione: tecnologia SCR, meno consumi e più potenza
L’E245C è dotato della tecnologia SCR (Selective Catalytic Reduction, Riduzione Selettiva Catalitica) con AdBlue®, che ottimizza il processo di combustione per la massima efficienza, consentendo al motore common rail a 6 cilindri di concentrarsi unicamente sulla generazione della potenza.
La soluzione SCR con Ad Blue è stata sviluppata da FPT Industrial e si basa su un sistema di post-trattamento che trasforma gli ossidi d’azoto (NOx) in azoto e acqua tramite una reazione chimica con un additivo, l’AdBlue®, già disponibile presso tutte le concessionarie New Holland e facilmente reperibile in commercio, mentre i livelli di particolato vengono minimizzati dalle alte temperature di combustione.
Grazie alla tecnologia SCR, si elimina la necessità di un filtro antiparticolato (da controllare o sostituire all’occorrenza), per una manutenzione molto più semplice ed economica.
Il Concessionario HTM Maschinen (Bolzano)
Fondata nel 1981 da Walter Hohensteiner e Alois Trettl, HTM Maschinen di Bolzano è una delle principali protagoniste nel commercio di macchine movimento terra, industriali e per l’edilizia del Trentino Alto Adige.
La gamma prodotto New Holland Construction offerta dalla concessionaria spazia dai miniescavatori da 10 quintali di peso per i cantieri edili più piccoli, ai grandi escavatori idraulici da 520 quintali di peso; dai piccoli caricatori compatti, alle grandi pale gommate per l’impiego in cava. Senza dimenticare le pale gommate compatte, molto vendute per lo sgombero della neve.
Tredici dipendenti e due soci, Klaus Hohensteiner e Andreas Trettl, HTM Maschinen conta su un magazzino ricambi di 600m², un’officina specializzata di 1200m², con 4000m² di aria esterna e parco macchine. Cinque meccanici garantiscono un’assistenza immediata e professionale sia in sede, sia direttamente in cantiere grazie ai 2 furgoni per l’assistenza.
L’ottima conoscenza del territorio e l’assistenza sia in cantiere sia in officina sono i punti di forza della concessionaria alto-atesina, assieme alla forza di New Holland Construction e dei suoi prodotti all’avanguardia.
“Siamo molto soddisfatti di New Holland Construction. Soddisfazione immediatamente condivisa dai nostri clienti, una volta provate le macchine,” racconta il titolare Klaus Hohensteiner. “Inoltre, in quanto concessionari, veniamo coinvolti dal costruttore nell’individuazione e nello sviluppo delle possibili aree di miglioramento dei vari prodotti: ad esempio i carri più lunghi per la maggiore stabilità in montagna, i bracci rinforzati per gli impegni più gravosi e altro ancora. Anche a livello di parti di ricambio, New Holland ha un’organizzazione ottima: la disponibilità è praticamente immediata, le macchine sempre operative, i clienti soddisfatti,” conclude il signor Hohensteiner.